Il programma “Prenotazioni zero rischi”, cos’è?

OTA

Alcune OTA hanno una modalità di prenotazione cosiddetta “zero rischi” per cui, anche se la vostra finestra di cancellazione è larga (per esempio ad agosto 30 giorni), viene presentata al cliente la camera come “cancellazione libera” fino all’ultimo. Se il cliente cancella, si impegnano a trovarvi un nuovo cliente o a pagarvi il costo della camera (più o meno…).

Perché vi consigliamo di non utilizzarla e vi chiediamo di rimuoverla se la state utilizzando

1) In pratica questa modalità altro non è che un ALLOTMENT MASCHERATO. L’OTA mette una bandierina sulla vostra camera in alta stagione perché i clienti prenotano subito attratti dalla cancellazione libera. Poi continua a sostituire il cliente sino all’ultimo. Vi occupa la camera e ci mette dentro chi vuole. Nel turismo questa pratica ha un nome e si chiama allotment. Dareste un allotment ad un’OTA per le due settimane centrali di agosto? No. E allora non concedetegli nemmeno la “zero rischi”.

2) Le tariffe non sono trasparenti. Può succedere che l’OTA prenoti una camera con tariffa piena e poi all’ultimo minuto cancelli la camera e la sostituisca con una prenotazione a tariffa scontata Genius oppure single use. Ecco che i rischi, da zero, diventano più tangibili.

3) Tutto il giro delle prenotazioni è molto complicato da leggere. In pratica non riuscite mai a capire se una camera è a vostra disposizione o no. Se ricevete una cancellazione per una “zero rischi” e ci mettete dentro un vostro ospite chiudendo poi la disponibilità sull’extranet o sul channel, il rischio è altissimo di avere un overbooking. Anche per noi come channel manager, è una fonte di confusione molto alta. In generale, non ci assumiamo responsabilità sulle prenotazioni zero rischi perché sono fuori dal nostro controllo.

4) Il cliente si abitua a condizioni di cancellazioni totalmente libere. Quest’anno le ottiene con l’intercessione dell’OTA. Un giorno le pretenderà da voi.

5) Il vantaggio è minimale: la maggior parte di queste “zero rischi” vanno ad impattare su periodi di altissima stagione, dove in ogni caso lo zero rischi ve lo fate da soli perché avete cento telefonate al giorno che vi chiedono una camera. Non ci credete? Provate a vedere quante “zero rischi” vi arriveranno per la terza settimana di novembre.

In conclusione

Vi suggeriamo di non aderire alla modalità “zero rischi” o di disdirla immediatamente dalla sezione Struttura e poi Condizioni, andando in fondo sino alla sezione “Prenotazioni zero rischi”, se per caso o per sfortuna l’avete sottoscritta.

Novità: Aumentare la vostra visibilità con Google Free Booking Links

A breve saremo in grado di far apparire le vostre strutture su Google Free Booking Links GRATIS.

Questo significa che i prezzi del booking engine appariranno nelle ricerche di Google Hotel Ads (nella sezione organica – Visualizza altre tariffe che si trova sotto gli Annunci – i link a pagamento), senza alcuna commissione né altro costo per voi.

Quando il cliente cliccherà su Visualizza altre tariffe, ci sarà il nome della vostra struttura con un prezzo e un link Visita il sito (schermata sotto) che porterà direttamente sul vostro booking engine Quovai.

Essere presente su Google Free Booking Links non vi impedirà, volendo, di essere anche sulla sezione a pagamento.

Abbiamo deciso di attivare il servizio per tutte le strutture.

Condividere la visibilità con il portale Ama Campiglia Marittima

Abbiamo predisposto uno strumento, per le strutture che sono all’interno di Ama Campiglia Marittima e usano il nostro PMS Quovai, che consente di indirizzare gli utenti che non trovano disponibilità sui vostri siti web (e solo in quel caso) verso il portale www.amacampigliamarittima.it.

E’ uno strumento che si attiva SOLO SE NE FATE RICHIESTA e che consente di indirizzare i visitatori, qualora il booking engine non trovi disponibilità per le date richieste, verso il portale.

Continuano i problemi sul portale alloggiati

26.06.21 alle 20:00

Il problema è generalizzato e impatta tutti i gestionali.

Ecco cosa vi consigliamo:

1) Non effettuate re-invii se ci sono invii in attesa nella sezione Adempimenti > Storico invii. Al momento abbiamo fermato l’automatismo ma quando il servizio dovesse riprendere regolarmente ricominceremo ad inviare le schedine in attesa. Se doveste effettuare dei re-invii potrebbero esserci dei duplicati.

2) Provate anche a generare il file a mano dalla sezione Adempimenti > Invio schedine e ad effettuare l’invio manuale dal portale Alloggiati… è possibile che in certi momento il portale ricominci a funzionare e riusciate ad effettuare l’invio. Anche qui: importante eliminare eventuali invii automatici in attesa nella sezione Adempimenti > Storico invii.

3) Continuate a seguire le nostre email.

Naturalmente, se in nessun modo, né manuale né tramite gestionale doveste riuscire ad effettuare l’invio, ci dispiace ricordare che l’invio è un obbligo e che in caso il portale non funzioni è necessario portare le schedine in cartaceo al più vicino commissariato (PS o Carabinieri).

Vi teniamo informati sugli aggiornamenti.

Stiamo riscontrando problemi con il portale Alloggiati

26.06.21 alle 18:00

Stiamo ricevendo molti errori tentando la connessione al portale Alloggiati, è una cosa che va e viene e alcune comunicazioni vanno a buon fine mentre in altri casi il sistema va in timeout. Crediamo sia un problema del portale.

Vi consigliamo di non ritentare la comunicazione prima delle 20:30 sperando che a quell’ora i problemi del portale siano risolti.

Stiamo monitorando la situazione e vi terremo aggiornati.

Finanziamento (2021-2027) dell’Unione europea (turismo)

È online la guida che aiuta a capire i vari programmi di finanziamento (2021-2027) che l’Unione europea ha messo a disposizione per il settore del turismo.  Per il momento, la guida è disponibile in inglese.

Ulteriori informazioni:
https://ec.europa.eu/growth/sectors/tourism/funding-guide_en

Per esempio:
Tourism, and consequently all actors involved in the field, are under unprecedented pressure because of the COVID-19 pandemic. The contraction is especially challenging for SMEs and family businesses. Therefore, the InvestEU programme will promote investments to strengthen tourism’s competitiveness, sustainability, and value chains. It will facilitate sustainable, innovative and digital measures, which could help reduce the sector’s climate and environmental footprint.

2021-2022 Novità sul Bonus Vacanze

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida aggiornata sul Bonus Vacanze.

BONUS VACANZE giugno 2021

Con il decreto Sostegni bis il Governo Draghi ha ufficialmente confermato il bonus vacanze anche per il 2021, prorogando l’utilizzo dello stesso fino a 31 dicembre 2021.

Le novità principali riguarderanno:

1. Validità del bonus: il bonus vacanza sarà prorogato fino a dicembre 2021
2. Cessione del bonus: si potrà cedere il bonus alle agenzie di viaggio o tour operator presso cui si prenota e si paga il soggiorno
3. Utilizzo del bonus in più volte: sarà possibile usare il bonus vacanze in più volte e, quindi, anche in strutture diverse.

Circolano virus via PEC come finte copie di cortesia di fatture

Attenzione, circolano virus via PEC come finte copie di cortesia di fatture
Anche la PEC purtroppo è diventata un canale di diffusione di virus. Vi invitiamo a prestare attenzione perché abbiamo ricevuto una copia di cortesia di fattura dalla PEC di un’azienda sconosciuta (ma reale!) contenente un archivio zip a sua volta contenente un PDF non funzionante e un file .vbs che era in realtà un virus. Il file .vbs era nominato in modo da sembrare l’xml di una fattura elettronica.

Fate attenzione e controllate più volte il contenuto e il mittente prima di aprire le PEC che sembrano sospette!

Il fatto che sia una PEC non significa automaticamente “mail sicura”.

Checklist per il tuo sito web

Secondo Google, un sito web perfettamente funzionante sui dispositivi mobili è di fondamentale importanza per un’attività:

  • I siti ottimizzati per i dispositivi mobili giovano di posizioni più elevate nei risultati di ricerca
  • Le ricerche su dispositivi mobili costituiscono più della metà di tutte le ricerche effettuate su Google.com
  • I siti non ottimizzati per i dispositivi mobili hanno cinque volte più probabilità di essere abbandonati dai visitatori

Verifica il tuo sito web soprattutto l’esperienza mobile. Qui c’è un test per controllare se il tuo sito è ottimizzato per i dispositivi mobili –  test di ottimizzazione mobile.

Da metà giugno 2021, Google inizierà a utilizzare l’esperienza sulle pagine come parte dei loro sistemi di ranking.  Tieni presente che Google ha avviato l’indicizzazione della visualizzazione mobile nel marzo 2021. Il tuo telefono (o emulazione mobile) dovrebbe essere il tuo modo principale di visualizzare il tuo sito, come lo è per i tuoi ospiti.

Controlla se la connessione del tuo sito è sicura. HTTPS (Hypertext Transfer Protocol Secure) è un protocollo per la comunicazione su Internet che protegge l’integrità e la riservatezza dei dati scambiati tra i computer e i siti. Gli utenti si aspettano che l’utilizzo di un sito web online avvenga in modo sicuro e privato. Quindi se il tuo sito usa HTTP, è l’ora di eseguire la migrazione da HTTP a HTTPS!

Hai post/delle informazioni sul tuo sito che non aggiorni da più di un anno? Controlla i tuoi vecchi contenuti e controlla la tua presenza sui social. Prova ad aggiornare il tuo sito e i tuoi contenuti social per creare una fusione virtuosa tra testi e materiale fotografico.