Novità: Connessi all’ISTAT e Gies

Quovai consente l’invio automatico delle statistiche obbligatorie all’ISTAT direttamente dal gestionale.

Siamo connessi con il Ricestat che copre le seguenti province:

  • Arezzo
  • Livorno
  • Lucca
  • Grosseto
  • Massa Carrara
  • Siena

e con il Gies che copre le seguenti province e regioni:

  • Emilia-romagna
  • Piemonte
  • Calabria
  • Abruzzo
  • Firenze
  • Prato

Novità: Automazione email

Abbiamo attivato la funzionalità di automazione email, che vi consente di inviare mail ai clienti (o a voi stessi) in corrispondenza di certi eventi legati alle prenotazioni o ai preventivi (creazione, check-in, check-out, etc…).

In questa prima fase la funzionalità è disponibile su richiesta, vi chiediamo cortesemente di contattarci se siete interessati.

Potete guardare questo breve video per saperne di più.

31.01.21: Aggiornamenti tecnici

Domenica 31/1, tra le 22:00 e le 24:00

installeremo due funzionalità importanti:

  • l’automazione email (la possibilità di mandare messaggi automatici) e
  • il collegamento ISTAT per il Gies (per le strutture delle aree coperte)

Durante quel periodo, è possibile che ci siano brevi interruzioni o rallentamenti del servizio, dovuti alla necessità di aggiornamenti tecnici.

Bonus vacanze: proroga fino al giugno 2021

L’articolo 5, comma 6, del decreto Ristori ha prorogato il bonus vacanze fino al 30 giugno 2021, ma è necessario ricordare che la nuova scadenza riguarda solo il suo utilizzo e non la domanda che doveva essere  presentata entro il 31 dicembre 2020.

Bonus vacanze proroga 2021
Come usare il Bonus Vacanze come Struttura Ricettiva

Aggiorniamo i progressivi per 2021…

All’inizio di ogni anno nuovo, ci ricordiamo di aggiornare i progressivi per ricevute e fatture. 

Da notare però: Non è necessario che la numerazione delle fatture sia progressiva per “anno solare” (ripartendo ogni anno dalla fattura numero 1), fermo restando la condizione di identificazione univoca della fattura/ricevuta emessa.

Come si fa?
Menu alla sinistra
Sotto Fatturazione > Progressivi e poi con la scheda che si apre cliccare su Nuovo

Novità: BETA TESTING per Quovai!

Vorremmo che alcuni di voi cominciassero adesso ad utilizzare la nuova versione di Quovai.

Cos’è il beta testing “riservato”?
Il beta testing riservato si riferisce ad una fase di prova e collaudo della nuova versione del nostro gestionale Quovai, non ancora rilasciato ufficialmente. Per il beta testing riservato, abbiamo scelto ed
invitato un numero limitato di utenti a partecipare.

Cos’è il nostro scopo?
Lo scopo è di trovare eventuali errori, arresti, anomalie ed altre informazioni di sistema e di segnalarceli. Ovviamente le vostre idee sui possibili miglioramenti e sulle modifiche al design sono benvenute.

Cos’è la nostra premessa?
Il PMS dovrebbe essere nello stato di avere tutte le funzionalità complete per la nuova versione di rilascio. Il PMS dovrebbe essere stabile ma potrebbero esserci alcuni problemi che emergono necessariamente solo con l’utilizzo reale da parte dell’utente.

Quanto tempo dura il beta testing?

Inizia il 31 di agosto e finisce alla fine di settembre.

Per qualsiasi chiarimento contattateci a supporto@quovai.com

Novità: Protezione spostamenti

Nuova funzionalità di Protezione Spostamenti

Innanzitutto ricaricate cortesemente l’app cliccando sul logo Quovai.

Ora il sistema, quando spostate una prenotazione, verifica che le tipologie siano coincidenti e vi avvisa in caso contrario chiedendovi conferma dello spostamento.

L’indicazione in fattura per il bonus vacanze

RICORDATE che non NON SIETE OBBLIGATI ad aderire alla convenzione bonus vacanze! Ricordate anche che tutto quello che scriviamo va sempre verificato con il vostro Commercialista!

Lo sconto per il bonus vacanze è utilizzabile nel periodo compreso tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2020.

E’ un credito da €150 per i nuclei composti da 1 persona, €300 per nuclei composti da due persone e €500 per le famiglie con più di due persone. 

L’80% del valore del bonus si ottiene come sconto sull’importo dovuto, il restante 20% viene recuperato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi 2021.

PROCEDURA DA SEGUIRE
La struttura, per poter applicare lo sconto al momento dell’incasso, deve accedere all’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate con le credenziali Entratel o Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate o mediante l’identità digitale SPID o la Carta Nazionale dei Servizi.

  • Accedi al sito: agenziaentrate.gov.it/portale
  • Entra nell’area riservata “Servizi per” → “Comunicare” → “Bonus vacanze”
  • Inserisci: codice univoco o QR code fornito dal cliente, codice fiscale e totale da pagare
  • Il sistema verifica la validità del bonus e applica lo sconto

CONSIGLIO NOSTRO
Emettere una fattura elettronica in modo da rilasciare un documento che attesti le vari voci della spesa del cliente.

Il totale del corrispettivo deve essere documentato con indicazione del codice fiscale del soggetto che intende fruire del credito.

Piccolo video esplicativo su come fare una fattura per Bonus Vacanze con Quovai PMS – su richiesta

Facsimile di una fattura – su richiesta

MAGGIORI INFORMAZIONI
https://blog.quovai.com/index.php/2020/06/21/come-usare-il-bonus-vacanze-come-struttura-ricettiva/
https://agenziaentrate.gov.it/portale/comunicato-stampa-del-17giugno-2020

 

Come usare il Bonus Vacanze come Struttura Ricettiva

Aggiornato il 27.06.20 con il codice tributo

NON SIETE OBBLIGATI ad aderire alla convenzione del bonus vacanze. La Guida dell’Agenzia delle Entrate specifica a questo proposito che: «per poter utilizzare l’agevolazione è necessario verificare preventivamente con il fornitore del servizio turistico  aderisca all’iniziativa e “accetti” il bonus».

PERIODO DI VALIDITA’
Lo sconto per il bonus vacanze è utilizzabile nel periodo compreso tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2020. 

IN CHE COSA CONSISTE
Con un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 17 giugno 2020, sono state definite le modalità di applicazione della disciplina del “bonus vacanze” introdotta con il “Decreto Rilancio”. 

E’ un credito da €150 per i nuclei composti da 1 persona, €300 per nuclei composti da due persone e €500 per le famiglie con più di due persone.

Il bonus vacanze viene erogato esclusivamente in formato digitale e deve essere speso dal cliente al momento del pagamento in struttura. L’80% del valore del bonus si ottiene come sconto sull’importo dovuto, il restante 20% viene recuperato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi 2021.

PROCEDURA DA SEGUIRE
La struttura, per poter applicare lo sconto al momento dell’incasso, deve accedere all’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate con le credenziali Entratel o Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate o mediante l’identità digitale SPID o la Carta Nazionale dei Servizi.

PERCORSO IN DETTAGLIO
Accedi al sito: 
agenziaentrate.gov.it/portale
Entra nell’area riservata “Servizi per” → “Comunicare” → “Bonus vacanze”
Inserisci: codice univoco o QR code fornito dal cliente, codice fiscale e totale da pagare
Il sistema verifica la validità del bonus e applica lo sconto

Da questo momento, l’operazione non può essere annullata, l’agevolazione si intende interamente utilizzata e non può essere più fruita da alcun componente del nucleo familiare, anche per l’importo eventualmente residuo rispetto alla misura massima.

Lo sconto è calcolato sul corrispettivo dovuto.

PER LA FATTURAZIONE (esempio: bonus di 500€)
– Se la vacanza costa 500€ e l’importo del bonus è 500€, lo sconto dell’80% deve essere calcolato su 500€ e sarà pari a 400€ di sconto sulla fattura del soggiorno, il 20% sarà pari a 100€ (da detrarre dall’imposta sul reddito dovuta per l’anno d’imposta 2020, esclusivamente dal soggetto intestatario della fattura), cioè il 20% di 500€.
– Se la vacanza costa 450€ e l’importo del bonus è 500€, lo sconto dell’80% deve essere calcolato su 450€ e sarà pari a 360€ di sconto sulla fattura del soggiorno, il 20% sarà pari a 90€ (da detrarre dall’imposta sul reddito dovuta per l’anno d’imposta 2020, esclusivamente dal soggetto intestatario della fattura), cioè il 20% di 450€.
– Se la vacanza costa 650€ e l’importo del bonus è 500€, lo sconto dell’80% deve essere calcolato su 500€ e sarà pari a 400€ di sconto sulla fattura del soggiorno, il 20% sarà pari a 100€ (da detrarre dall’imposta sul reddito dovuta per l’anno d’imposta 2020, esclusivamente dal soggetto intestatario della fattura), cioè il 20% di 500€.

COME RECUPERARE LO SCONTO DELL’80%
(a decorrere dal giorno lavorativo successivo alla conferma dell’applicazione dello sconto)
– CREDITO DI IMPOSTA:
il bonus si può usare in compensazione tramite modello F24 per il pagamento di ritenute alla fonte, Iva, contributi Inps, premi Inail, imposte sui redditi e Irap, Imu, tassa rifiuti e altri tributi locali. Il codice tributo è 6915.

“6915” denominato “BONUS VACANZE – recupero dello sconto praticato da
imprese turistico-ricettive, agriturismi, bed&breakfast e del credito ceduto – articolo 176 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34”.

In sede di compilazione del modello di pagamento F24, ai fini dell’utilizzo in compensazione del credito d’imposta, il suddetto codice tributo è esposto nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”, ovvero, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”. Nel campo “anno di riferimento” del modello F24 deve essere sempre indicato il valore “2020”.

– CESSIONE A FORNITORI:
il bonus si può cedere a fornitori di beni e servizi, istituti di credito e intermediari finanziari, comunicandolo attraverso l’area riservata dell’Agenzia delle Entrate.

IMPORTANTI PUNTI DA NOTARE
Il credito è utilizzabile da un solo componente del nucleo familiare e spetta a condizione che le spese siano sostenute in un’unica soluzione in relazione ai servizi resi da una struttura ricettiva.

Inoltre il totale del corrispettivo deve essere documentato con fattura o documento commerciale o con scontrino/ricevuta fiscale con indicazione del codice fiscale del soggetto che intende fruire del creditoL’agevolazione è utilizzabile da uno qualsiasi dei componenti del nucleo familiare, anche diverso dal soggetto richiedente, a condizione che risulti intestatario della fattura o del documento commerciale o dello scontrino/ricevuta fiscale emesso dal fornitore.

Il pagamento del servizio deve avvenire senza l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici (diversi da agenzie di viaggio e tour operator).

MAGGIORI INFORMAZIONI
https://agenziaentrate.gov.it/portale/comunicato-stampa-del-17giugno-2020

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/2522862/risoluzione+F24+BONUS+VACANZE+DEF.pdf/f115ffc1-99c3-9fe8-fc9c-1a876c68e30b

Novità – Check-in online più configurabile e privacy

Abbiamo rilasciato le seguenti nuove funzionalità relative al check-in online:

1. E’ possibile decidere se l’upload dei documenti è richiesto e/o obbligatorio

Dalla configurazione / struttura è possibile impostare se l’upload dei documenti è richiesto e/o obbligatorio, sia per quello che riguarda il documento di identità che per il selfie di “autenticazione”.

Attenzione! Per default l’invio dei documenti è richiesto ma non è obbligatorio! Se volete modificare questa scelta fatelo da Configurazione / Strutture o chiedeteci di farlo per voi!

2. Viene inviata conferma, nel template dell’email di check-in online, delle scelte fatte in materia di privacy e protocollo COVID

Quando l’utente e la struttura ricevono rispettivamente la conferma e la notifica dell’esecuzione del check-in online le email riportano le informazioni relative alle scelte fatte in materia di privacy e accettazione del protocollo COVID. Questo per rendere il cliente maggiormente informato sulle proprie scelte e per fornire alla struttura un documento “digitale” di riscontro.

3. E’ possibile modificare il template dell’invito ad effettuare il check-in online

Andando in Configurazione / Carica valori predefiniti è possibile caricare tra i modelli modificabili anche il template della mail di invito al check-in online.

Una volta caricata tra i modelli modificabili potrete personalizzarla a piacimento e anche aggiungere allegati diversi per ogni lingua.