Il programma “Prenotazioni zero rischi”, cos’è?

OTA

Alcune OTA hanno una modalità di prenotazione cosiddetta “zero rischi” per cui, anche se la vostra finestra di cancellazione è larga (per esempio ad agosto 30 giorni), viene presentata al cliente la camera come “cancellazione libera” fino all’ultimo. Se il cliente cancella, si impegnano a trovarvi un nuovo cliente o a pagarvi il costo della camera (più o meno…).

Perché vi consigliamo di non utilizzarla e vi chiediamo di rimuoverla se la state utilizzando

1) In pratica questa modalità altro non è che un ALLOTMENT MASCHERATO. L’OTA mette una bandierina sulla vostra camera in alta stagione perché i clienti prenotano subito attratti dalla cancellazione libera. Poi continua a sostituire il cliente sino all’ultimo. Vi occupa la camera e ci mette dentro chi vuole. Nel turismo questa pratica ha un nome e si chiama allotment. Dareste un allotment ad un’OTA per le due settimane centrali di agosto? No. E allora non concedetegli nemmeno la “zero rischi”.

2) Le tariffe non sono trasparenti. Può succedere che l’OTA prenoti una camera con tariffa piena e poi all’ultimo minuto cancelli la camera e la sostituisca con una prenotazione a tariffa scontata Genius oppure single use. Ecco che i rischi, da zero, diventano più tangibili.

3) Tutto il giro delle prenotazioni è molto complicato da leggere. In pratica non riuscite mai a capire se una camera è a vostra disposizione o no. Se ricevete una cancellazione per una “zero rischi” e ci mettete dentro un vostro ospite chiudendo poi la disponibilità sull’extranet o sul channel, il rischio è altissimo di avere un overbooking. Anche per noi come channel manager, è una fonte di confusione molto alta. In generale, non ci assumiamo responsabilità sulle prenotazioni zero rischi perché sono fuori dal nostro controllo.

4) Il cliente si abitua a condizioni di cancellazioni totalmente libere. Quest’anno le ottiene con l’intercessione dell’OTA. Un giorno le pretenderà da voi.

5) Il vantaggio è minimale: la maggior parte di queste “zero rischi” vanno ad impattare su periodi di altissima stagione, dove in ogni caso lo zero rischi ve lo fate da soli perché avete cento telefonate al giorno che vi chiedono una camera. Non ci credete? Provate a vedere quante “zero rischi” vi arriveranno per la terza settimana di novembre.

In conclusione

Vi suggeriamo di non aderire alla modalità “zero rischi” o di disdirla immediatamente dalla sezione Struttura e poi Condizioni, andando in fondo sino alla sezione “Prenotazioni zero rischi”, se per caso o per sfortuna l’avete sottoscritta.

Restyling pagina emissione documenti e IBAN

Abbiamo modificato la pagina di emissione documenti in modo da renderla più leggibile. Abbiamo anche “nascosto” i campi della pagina che si usano di meno e inserito un pulsante Mostra opzioni avanzate che permette di visualizzarli.

Infine, per il tipo di documento fattura e tra le opzioni avanzate, è possibile ora inserire l’IBAN su cui il cliente dovrà salvare la fattura (per i sospesi ovviamente).

 

Novità: Derivazione per tipologie

Si può definire, all’interno di una tipologia di camera, un’altra tipologia di camera da cui questa deriva i prezzi applicando un delta in valore assoluto o percentuale.

E’ possibile anche specificare se nell’aggiornamento dei prezzi per la tipologia derivata vengono mutuati dalla tipologia di origine il minimum stay, le condizioni e le chiusure all’arrivo e alla partenza.

I parametri specifici vengono utilizzati per l’aggiornamento dei prezzi ogni qualvolta i prezzi sulla tipologia di base vengono modificati.

In qualsiasi momento si può anche “esplodere” la tipologia indipendentemente dall’aggiornamento dei prezzi sulle altre tipologie. In questo modo si possono inizializzare i prezzi di una tipologia derivata in fase di setup.

Esempio… come fare per…

Ipotizziamo di sviluppare il listino avendo come riferimento la tipologia “doppia”.

Vorremmo che la singola venisse 10€ in meno della doppia, mentre la tripla costasse sempre 15% in più della doppia.

Imposteremo la singola come derivata della doppia, e imposteremo l’offset a – 10 in valore assoluto. Dopo aver salvato, clicchiamo su Sincronizzazione completa.

Imposteremo la tripla come derivata della doppia e imposteremo l’offset a +15% in percentuale. Dopo aver salvato, clicchiamo su Sincronizzazione completa.

Sul listino dovremmo trovare i prezzi delle varie tipologie modificati di conseguenza.

Invito a partecipare: WEBINAR da QUOVAI su STRIPE

Organizziamo un breve webinar dove parliamo dell’uso del payment gateway STRIPE. Potrete anche porre le vostre domande relative allo stesso.

DATA: Venerdì, il 21.05.21

ORARIO: 17:00 per circa 30 minuti

LINK di COLLEGAMENTO:  sarà fornito a breve
(Per maggiore informazione – Google Meet: https://meet.google.com/)

La vostra conferma non è richiesta. Potete partecipare liberamente.

Da metà giugno, il Certificato COVID-19 UE…

COVID-19
La versione italiana del certificato sarà valida fino a giugno ’21, mese in cui dovrebbe entrare in vigore il Certificato COVID-19 UE (dovrebbe sostituire la dicitura “certificato verde digitale” proposta dalla Commissione). Il certificato dovrebbe avere una validità di 12 mesi e non di più.

Il Certificato COVID-19 UE fungerà da biglietto di ingresso per accedere alla tua struttura ricettiva!

SFIDA
Prova a visualizzare l’esperienza della tua struttura ricettiva attraverso un paio di occhiali COVID-19! Gli ospiti hanno voglia di passare le lore vacanze in un ambiente sicuro ed igienico. Garantire a tutti gli ospiti il rispetto dei protocolli di igiene e sanificazione di ambienti e superfici è ancora fondamentale questa stagione.

– Importante rendere disponibili e visibili tutte le informazioni relative alle misure di igiene e sicurezza.

– Hai messo a disposizione di dispositivi di protezione personale certificati come gel sanificante in dispenser e mascherine protettive?

– Ricordati che nei luoghi comuni le pulizie quotidiane devono riguardare le superfici toccate più spesso: porte, maniglie, finestre, vetri, tavoli, interruttori della luce, vani scale, l’ascensore, servizi igienici… Usa il housekeeping dinamico per tenere traccia e costruire il tuo registro di azioni intraprese.

 – Soluzioni a tecnologia contactless – ricordati del check-in online tramite il PMS.

– Come sono le tue condizioni di cancellazione? Ci sono dei penali pesanti? Ricordati che qualsiasi clausola contrattuale che imponga agli ospiti che non possono viaggiare né usufruire dell’alloggio prenotato a causa della pandemia di COVID-19, di pagare ciononostante il prezzo pieno a te, potrebbe essere considerata abusiva ai sensi della Direttiva 93/13/CEE e pertanto non vincolante per gli ospiti.

Certificato verde digitale – per l’estate!

Cambio camera e unione prenotazioni

Sono disponibili sul menu le nuove funzioni di “Cambio camera” e “Unisci a successiv”a. La prima permette di spostare su un’altra camera un cliente durante il soggiorno, la seconda consente di accorpare prenotazioni adiacenti.

Indicando poi il giorno di uscita e la camera di destinazione il sistema effettua il cambio.

Novità: Connessi all’ISTAT e Gies

Quovai consente l’invio automatico delle statistiche obbligatorie all’ISTAT direttamente dal gestionale.

Siamo connessi con il Ricestat che copre le seguenti province:

  • Arezzo
  • Livorno
  • Lucca
  • Grosseto
  • Massa Carrara
  • Siena

e con il Gies che copre le seguenti province e regioni:

  • Emilia-romagna
  • Piemonte
  • Calabria
  • Abruzzo
  • Firenze
  • Prato